Il nuovo modello Muro permette un’installazione anche più rapida

mercoledì, marzo 22nd, 2017

Il nuovo modello impiega meno tempo ad essere installato e ha un design aerodinamico a prova di vandalismo. (altro…)

Aggeres può consegnare la più lunga diga galleggiante del mondo

lunedì, novembre 23rd, 2015

Diga galleggiante offre una protezione alla città Spakenburg

 

SpakenburgSCFBkeringSpakenburgSCFBkering2

 

 

 

 

 

 

Una diga che s’innalza grazie alla forza ascendente dell’acqua proteggerà il centro storico di Spakenburg dalle inondazioni. La diga ascendente avrà una lunghezza totale di 335 m, diventando, di fatto, la più lunga del mondo. La diga, di un’altezza di 80 cm, sarà colata tutto intorno al rivestimento del porto storico delle barche, perché una diga fissa sarebbe un danno per l’aspetto del centro storico. Lungo il nuovo porto, la diga sarà installata dentro le mura della banchina, che sarà a sua volta rialzata.
Il progetto fa parte di un miglioramento della diga lungo il Zuidelijke Randmeren sull’Eem dal Waterschap Vallei nella Veluwe. Il finanziamento è realizzato dal programma nazionale di protezione contro le piene. La costruzione inizierà nell’autunno 2016.

Questa soluzione ha permesso all’associazione di imprenditori Van Heteren (Hengelo)/Jansen Venneboer (Wijhe) di vincere l’appalto per questo progetto, il Waterschap aveva chiesto alle imprese di cercare una soluzione innovativa. Con la diga ascendente, l’associazione di imprenditori risponde con l’eccellenza alle esigenze fissate per il concept. In particolar modo, un buon inserimento nel centro storico, una soluzione che occupa poco posto ed un termine di scadenza di messa in opera in un massimo di tre ore da parte di alcuni collaboratori del Waterschap.

Esempi per le altre città

L’impresa belga Aggéres è la fornitrice della tecnica. In differenti ambiti nel mondo, questa soluzione è già applicata, ma a Spakenburg sarà per la prima volta in grande scala e come elemento di una diga principale. È per questa ragione che la soluzione può essere un esempio per altri centri storici dei Paesi Bassi, come Dordrecht.

Materiale leggero

La diga salirà a seguito dell’innalzamento del livello dell’acqua nei porti. Quest’acqua si accumula in una vasca d’acciaio nella quale è colata la diga. La diga è fabbricata in materiale sintetico leggero con dell’acciaio sulla parte superiore. L’acqua che vi affluirà, spingerà la diga verso l’alto.
La diga va a finire nel rivestimento intorno al porto delle barche storiche (Turfwal, circa 60 m e Oude Schans, circa 115 m). Lungo il nuovo porto (Kerkemaat), le mura della banchina sono state alzate di 60 cm e la diga vi sarà posta all’interno (circa 160 m). Le piantagioni del lato sud del nuovo porto (Weikamp) saranno ristrutturate per poter adempiere alla loro funzione di ritenzione dell’acqua.
Dall’altro lato del porto da diporto (Havendijk), non è prevista nessuna nuova barriera. Lì resterà quella che viene chiamata la “zona fuori alle dighe”. Le abitazioni di questo comprensorio sono costruite per poter resistere alle piene.

Programma di protezione contro le piene

Grazie alla costruzione una barriera ascendente, la diga di Spakenburg risponde alle esigenze attuali, in particolar modo di una barriera che possa resistere ad una tempesta del Mare del Nord di forza 12. Questa è l’esigenza, cui devono rispondere tutte le dighe che si trovano lungo i Zuidelijke Randmeren sull’Eem. Visto che queste dighe proteggono dalle piene un vasto territorio, parliamo di una “diga primaria”, le cui esigenze sono fissate dal Regno. La costruzione di una barriera ascendente è finanziata dal programma di protezione al quale collaborano i waterschappen e il Rijkswaterstaat.